zone-erogene-punti-maschili-piacere-744×445

Zone Erogene Maschili: Quali sono e come stimolarle

Conoscere il partner è fondamentale in una relazione, anche per quanto riguarda l’aspetto sessuale.

Se ci si conosce bene sappiamo anche dove andare a parare, quali cose ci piacciono e cosa invece è meglio evitare.

Questo però non significa che chi invece si ritrova ai primi appuntamenti, all’inizio di una conoscenza, o semplicemente ha voglia di una serata di sesso, debba vivere una brutta esperienza.

Mi rivolgo quindi alle donne: Quanto è brutto quando avete un momento di passione con qualcuno e quel tizio non sa dove mettere le mani?

Quando l’uomo di turno arriva al momento clou e si ritrova come un cervo abbagliato dai fanali in autostrada e noi dobbiamo trasformarci nella tizia del navigatore e dire “Tra 56cm svoltare prendere la prima uscita a sinistra”, il momento può davvero rovinarsi.

Notizia flash: La stessa cosa vale per gli uomini.

Anche noi donne emancipate dobbiamo avere almeno una vaga idea di dove mettere le mani.

Ovvio, ogni persona è diversa e non è detto che a tutti piacciano le stesse cose, ma ci sono dei punti, le cosiddette zone erogene, che diciamo sono universali come la cioccolata che piace a tutti.

Avere comunque un piccolo manuale d’istruzione alle zone erogene maschili non fa mai male, quindi dopo i consigli su cosa piace vedere ad uomo, ecco una piccola guida su quali sono le zone erogene maschili.

Zone Erogene Maschili: Quali sono e come stimolarle

Sotto l’ombelico

In quella zona spesso trascurata ci sono alte concentrazioni di flusso sanguigno, per cui è una zona molto sensibile.

Un ottimo preliminare per infiammare l’animo del vostro lui, tutto da leccare.

Tra l’orecchio ed il collo

In questa parte un po’ nascosta esiste una zona erogena molto stimolante, in grado di infiammare qualsiasi uomo. Leccatela dolcemente, oppure sussurrate parole calde e suadenti all’orecchio del vostro partner: Persino il respiro è sufficiente per stimolare questo punto.

Piedi

Ad alcune può fare un po’ schifo, soprattutto se lui non se li lava, ma i piedi non sono solo roba per feticisti.

Questi, infatti, costituiscono una zona erogena tutta da coccolare: Improvvisatevi massaggiatrici e inaugurate gli oli profumati, magari nude che aiuta sempre la causa.

Genitali

Non credo ci sia nemmeno bisogno di dirlo, ma un articolo deve essere completo.

Sono la parte più ricca di ricettori del piacere e come dice il proverbio “Piatto ricco mi ci ficco”.

Lavorare di mano o di bocca poco importa, anche se gli uomini in genere preferiscono quest’ultima, ma sono perfette anche carezze lascive ed un po’ sfuggenti senza mai toccare davvero a fondo, in questo modo aumenterete l’attesa e si sa che questa alimenta il desiderio.

Fate però attenzione ai testicoli: Ad alcuni piace essere toccati lì, ad altri no, quindi sperimentate e vedete come reagisce.

Leggi anche: Zone Erogene Femminili: Quali sono e come stimolarle

Perineo

Si tratta della parte tra ano e genitali che, se toccata in maniera decisa e professionale, può addirittura portare un uomo all’orgasmo.

Ano

Lì dove non batte il sole, dove osano le aquile, ci spaventa sempre un po’. Spaventa anche ad alcuni uomini che vivono fortemente il tabù del retto, ma molti quando hanno avuto una partner audace che gli ha fatto provare la sensazione si sono ricreduti.

Tra uretra e prostata è infatti collegato il punto G maschile (ebbene si, non è una nostra prerogativa) e molti amano che durante il rapporto o la fellatio venga stimolato questo punto.

Capezzoli

Anche agli uomini piace se succhiate o toccate i capezzoli, per cui sappiate che anche noi donne possiamo giocare alle piccole scassinatrici: Toccate e strizzate delicatamente quelle “manopole” e la cassaforte del desiderio si aprirà per voi.

Retro del ginocchio

Questa è considerata zona sensibile in quanto priva di peli, quindi più liscia e ricettiva. Piccole carezze con le mani o con la punta della lingua fanno impazzire i più, ma attenzione perché ci può sempre essere quello che soffre terribilmente il solletico.

Mani

Stimolare le mani è molto importante ed il risultato assicurato, soprattutto se usate la lingua e la bocca: Leccare il polso accende gli animi, ma anche succhiare le dita con dolcezza e sguardo malizioso infiamma cuore e pantaloni.

Mente

Nel cervello si concentrano fantasia ed immagini molto potenti che, se sviluppate a dovere, possono fare la vera differenza. Per questo motivo, giocate con lui, date adito alle vostre fantasia, parlate, create una situazione diversa dal solito, fategli immaginare qualcosa di sexy e lui cadrà ai vostri piedi.

Lo Shopping delle ragazzacce: come scegliere il vibratore



There are no comments

Add yours