quiz-sida-aids_428x229

Giornata Mondiale contro l’Aids: I manifesti più belli

Ne abbiamo parlato anche in occasione della giornata contro la violenza sulle donne: Un’immagine spesso e volentieri vale più di mille parole.

A questo proposito, negli anni, abbiamo visto molte campagne di sensibilizzazione verso l’Aids, soprattutto in occasione della Giornata Mondiale contro l’Aids di oggi.

Immagini più o meno forti, locandine e manifesti che insieme ad un breve e semplice, ma comunque incisivo messaggio, vogliono andare a toccare i cuori delle persone, spronandoli sia alla prevenzione che ad una pronta diagnosi.

Secondo l’Unicef infatti, circa una persona su sette è sieropositiva senza saperlo, dato che non ha ricevuto diagnosi, e questo accade spesso e volentieri perché le persone non si sentono sicure della propria privacy ad effettuare un test in una struttura predisposta, oppure non ne hanno voglia o non ne sentono il bisogno, o ancora sono decisamente male informate e pensano che possa consistere in una pratica complicata e dolorosa.

L’altro punto su cui i manifesti battono il ferro, è quello della prevenzione, infatti si vede spesso in questo tipo di locandine il riferimento all’uso del preservativo.

Come spero tutti sappiamo, il condom infatti è l’unico metodo contraccettivo che ci protegge dalle malattie sessualmente trasmissibili, ma purtroppo rimane il meno utilizzato tra tutti gli altri metodi.

In occasione di questa Giornata Mondiale contro l’HIV dunque, vi riproponiamo alcune immagini per aumentare la visibilità alla campagna di sensibilizzazione:

La prevenzione fa parte del gioco

0

 

 

 

 

 

 

 

 

In questa immagine si è deciso di giocare nel vero senso della parola, con le varie perversioni che le persone possono avere, come ad esempio quella di travestirsi per mettere un po’ di pepe nella relazione.

Il motto del manifesto è:

Con chiunque tu scelga di giocare la prevenzione fa parte del gioco.

Non importa infatti se etero o omosessuali, se allieva e maestro di tennis o guardia e ladro, l’importante è usare il preservativo sempre e comunque.

Geolocalizzazione

aids-geolocalizzazione-633x350

 

In questa immagine si sfrutta invece la geolocalizzazione, molto di moda in questo periodo per praticamente qualsiasi cosa.

Il punto di ritrovo della foto è abbastanza chiaro così come il messaggio:

Cathy Mills e altre 34 persone erano qui.

Tutte quelle persone possono essere vittime di un sieropositivo ed esserlo diventate a loro volta se ovviamente non hanno utilizzato il preservativo: Ne vale la pena?

Una curva come croce

ansa71830413011155201_big

 

Questa immagine molto forte sfrutta le curve di un corpo femminile, quindi un’immagine “sessualmente attraente”, dove i solchi tra le natiche e le cosce vanno a formare una croce, come simbolo e memoria di tutte le persone che hanno perso la vita a causa dell’Aids.

Ero positivo

campagna-di-sensibilizzazione-contro-laids-2

 

Un’altra immagine forte che gioca con la parola “Sieropositivo” per formare una frase, purtroppo, al tempo passato insieme ad un’immagine di un corpo classificato in obitorio, per scatenare la coscienza delle persone e fare in modo che tutti vadano a fare un test per l’HIV per essere sicuri di non aver contratto la malattia.

Tutto molto semplice

promocard_stampa_Layout 1

 

Questa immagine anche un po’ buffa, ci mette di fronte la nuda e cruda verità: Per la prevenzione all’Aids non servono tute speciali, apparecchiature sofisticate, dispositivi di sicurezza e strane imbragature, ma solamente un semplicissimo preservativo.

Usare la bocca

logo-campagna-sensibilizzazione-test-salivare-hiv

 

Questa immagine ha deciso di puntare sulla “simpatia” per trasmettere un messaggio importante, ovvero la semplicità e l’importanza di fare un test a tampone salivare, facile, indolore e gratuito per riuscire a diagnosticare l’HIV in tempo.

Il messaggio è chiaro: Fallo!

Un motivo in più per usare la bocca.



There are no comments

Add yours