Documentari sul porno: Porno e Libertà (Porn To Be Free) di Carmine Amoroso

Presente alla 45ª edizione del Festival Internazionale di Cinema di Rotterdam (27 gennaio – 7 febbraio), nella sezione Community Cameras, il documentario PORNO E LIBERTÀ (Porn To Be Free) del regista Carmine Amoroso.

PORNO E LIBERTÀ

PORNO E LIBERTÀ è il primo documentario – tra l’altro prodotto in modo del tutto indipendente senza finanziamenti pubblici o privati – che racconta la rivoluzione sessuale e la liberazione del porno avvenuta in Italia tra gli anni sessanta e ottanta.

Attraverso un percorso analitico ma anche divertente, PORNO E LIBERTÀ rivela come la pornografia è diventata strumento di cambiamento e di lotta sociale e politica, raccontando le storie di personaggi del settore come Lasse Braun, Riccardo Schicchi, Cicciolina, Giuliana Gamba e della loro battaglia contro censure, sequestri e ripercussioni politiche e di costume.

CROWFUNDING

Vai qui per aderire alla campagna di crowfunding

Documentari sul porno: Porno e Libertà Documentari sul porno: Porno e Libertà  Documentari sul porno: Porno e Libertà Documentari sul porno: Porno e Libertà   Documentari sul porno: Porno e Libertà Documentari sul porno: Porno e Libertà Documentari sul porno: Porno e Libertà

CARMINE AMOROSO

Carmine Amoroso è al suo terzo lungometraggio come regista, dopo COME MI VUOI con Enrico Lo Verso, Vincent Cassel e Monica Bellucci – il primo film italiano ad affrontare l’argomento dei transgender – e COVER BOY, che ha rappresentato l’Italia in numerosi festival internazionali, vincendo diversi premi e aggiudicandosi un posto nella terna dei film italiani candidati agli Oscar 2008.

Prima di debuttare come regista Carmine Amoroso scrisse la sceneggiatura di PARENTI SERPENTI, uno dei più grandi successi di Mario Monicelli.

SUL FESTIVAL DI ROTTERDAM

Sulla selezione al prestigioso festival di Rotterdam, che per tradizione ospita registi all’avanguardia del panorama mondiale, il regista Carmine Amoroso ha commentato:

Siamo felicissimi di essere a Rotterdam con il film. Altri festival ci hanno rifiutato proprio per il contenuto. La prova che viviamo in un’epoca di neo puritanesimo, che la censura dal volto buono ancora oggi esiste e che questo film è necessario.



There are no comments

Add yours