maxresdefault

Curiosità sul sesso: Quello che abbiamo scoperto nel 2016

Come ogni anno anche il 2016 è stato protagonista di nuove scoperte in praticamente ogni ambito, sia in quello scientifico che nella sfera personale.

Abbiamo scoperto nuovi virus e nuovi modi per curarli, abbiamo condotto studi per cercare di capire meglio l’uomo, cosa pensa e come si comporta, andando a parare anche nel campo della sessualità.

Uno degli argomenti più scottanti del 2016 è stato appunto il sesso, dove si sono condotti interessanti ricerche e dove abbiamo potuto scoprire qualcosa in più rispetto agli anni passati.

Se dunque non ricordate proprio tutto, ecco un recap di curiosità sul sesso scoperte nel corso del 2016:

Guardare troppa tv fa male all’uomo

guardare-la-tv

Nel corso del 2016 è stato pubblicato uno studio dal Journal of Epidemiology che ha evidenziato come guardare troppa tv abbia un’impatto negativo sullo sperma.

La conta degli spermatozoi infatti, viene ridotta: Durante lo studio, i ragazzi che hanno guardato la tv per più di 5 ore al giorno hanno diminuito la produzione del 44% rispetto a coloro che invece ne guardavano pochissima.

Occhio al Sexting

winters-abbie-monthly-tksextingtipsthatactuallywork-20160425-opener-2000x2400

Abbiamo imparato che si parla di sexintg per tutto quello che riguarda il sesso online, come chat e messaggini piccanti, ma una ricerca condotta dall’Università dell’Indiana ha evidenziato come circa il 25% delle persone tendano a condividere le conversazioni hot e piccanti con gli amici.

Niente sesso in luna di miele

sposa-matrimonio-tomba-amore_650x447

Una rivelazione che ha scioccato molti: Il brand di lingerie Bluebella ha deciso infatti di condurre un sondaggio nel 2016 in cui è stato messo in evidenza come solamente il 48% delle coppie si concede un rapporto sessuale per la prima notte di nozze, mentre la maggioranza cede allo stress ed alla stanchezza rimandando le mirabolanti imprese sotto le lenzuola a data da destinarsi.

L’età della prima volta è già decisa

genetica

Un’interessantissimo studio pubblicato sulla rivista “Nature Genetics” ci ha permesso di far luce sull’età in cui potremmo perdere la verginità.

Lo studio ha infatti evidenziato come le persone che posseggono il gene CADM2 hanno più probabilità di avere il primo rapporto sessuale in giovane età rispetto a chi non possiede questa variazione.

Emoticons e Sesso

mobile

Un sondaggio condotto dal sito Match.com ha messo in evidenza come le persone che fanno un uso massiccio di emoji e faccine nelle varie chat e WhatsApp sono più attratti dal sesso rispetto a coloro che inviano messaggi di solo testo.

Il viagra femminile non funziona

viagra-rosa-per-lei

Quando fu messo sul mercato sembrava una grande rivoluzione, ma otto studi clinici pubblicati sulla rivista scientifica JAMA Internal Medicine hanno evidenziato come i risultati siano stati a dir poco insoddisfacenti: solo 5 incontri sessuali in un mese sono “andati in porto”, ed anzi, le donne che lo hanno assunto hanno subito fastidiosi effetti collaterali come nausea, vertigini e stanchezza.



There are no comments

Add yours