tradimento

Come superare un tradimento: La storia di una ragazzaccia

Vi è mai capitato di vivere una bellissima storia d’amore, dove voi e l’altra persona sembrate vere e proprie anime gemelle?

La vecchia storia da film d’amore (o da soap opera di infimo livello, dipende da come la si vede): Uno completa le frasi dell’altro, messaggini sdolcinati, totale ed incondizionata fiducia, sabati sera passati a casa a guardare un film e non più ad agghindarsi a donne da combattimento pronte a battere ogni discoteca della città con un apple martini in mano pur di accaparrarsi un ragazzo.

Sicuramente una bella storia d’amore è capitata a tutti, ma ad alcuni è capitato certamente anche il seguito.

Ad un tratto uno dei due si allontana, diventa strano e noi ragazzine innamorate abbiamo troppa paura di chiedere cosa c’è che non va perché la risposta a volte ci spaventa più del non sapere.

Iniziano però i sospetti e ad un tratto un sms non è più solo un semplice sms, un’uscita con gli amici diventa sospetta e whatsapp e le sue spunte blu, per non parlare dell’ultimo accesso, sono il nostro pane quotidiano. A me è successo proprio questo: Ho visto trasformarmi dalla donzelletta che vien dalla campagna alla più psicopatica delle stalker.

Ho visto il mio fidanzato diventare una persona che con conoscevo e mai avrei creduto potesse diventare e conscia di avere più palle di molti uomini, ho anche chiesto a muso duro se ci fosse qualcosa che lo preoccupava.

La negazione è arrivata subito, ma il mio sesto senso suonava più allarmi del caveau di una banca.

È stato lì, proprio in quel momento che mi sono trasformata e se esteriormente mi dipingevo in viso un sorriso degno delle sociopatiche serial killer più sgamate, dentro di me progettavo le prossime mosse.

Ho fatto ricerche, ho scoperto password e Dio benedica Mark Zuckerberg, Facebook e tutti i social network, ho scoperto la verità. Mi ha tradita.

La mia storia perfetta non era così perfetta, lui aveva conosciuto un’altra ragazza ed i messaggi lo confermavano. Non avevo prove di un vero e proprio tradimento ma per me i messaggi bastavano, insieme al fatto che non mi avesse detto niente. Quando l’ho affrontato ha negato ovviamente, in fondo nei messaggi non c’era niente di esplicito.

Ho voluto sentire anche l’altra parte ed ho chiesto spiegazioni all’altra ragazza che, lungi dall’essere dispiaciuta per aver fatto la gatta morta con il fidanzato di un’altra, è stata più che disposta a raccontare tutto.

Messo con le spalle al muro anche lui ha confessato ritrattando però la versione della sua amichetta.

Sono seguiti ore, giorni e mesi di chiarimenti, dove lo chiamavo nel cuore della notte per farmi raccontare più e più volte qualsiasi cosa, ho riparlato con lei ed ho capito che quello che diceva era vero certo, ma condito con cattiveria gratuita e quella spruzzata di vendetta che solo le donne rifiutate sanno dare. Ci sono stati pianti, attacchi di panico, preghiere in ginocchio, giorni in cui volevo solo stare a letto con lui e altri in cui mi faceva schifo che mi toccasse.

Poi è arrivato il momento di fare una scelta: O con lui o senza di lui.

Se vi capita di subire un tradimento dovete capire bene se la persona con cui state è davvero pentita di quello che ha fatto o se è solo pentita di essere stata scoperta. Dovete capire se ne vale la pena.

Dovete capire se siete abbastanza innamorate e forti da riuscire a superare la cosa. Se non pensate di farcela, ok il gioco è più semplice.

Se pensate di farcela allora datevi un’altra possibilità, io l’ho fatto.

Come? Ho capito che se una persona tradisce ( a meno che non sia un traditore seriale) c’è sempre un po’ di colpa da entrambe le parti ed io ho capito la mia. Ci siamo venuti in contro, ho fatto dei cambiamenti e lui ha fatto i suoi, ci siamo parlati e fatti promesse ma abbiamo trovato un compromesso per non buttare all’aria quattro anni di relazione.

Si dice che il tradimento sia parte dell’essere umano, che non siamo fatti per una persona sola, che si tradisce per noia, per vendetta, per amore, per abitudine. Ma io credo che anche l’amore sia parte dell’essere umano e che a volte deve vincere il perdono sulla vendetta.

Vedete io ero e sono innamorata del mio ragazzo, e se dovesse ricapitare preferisco passare dei mesi a maledirmi per avergli dato un’altra possibilità piuttosto che passare una vita a rimpiangere quello che potrebbe essere stato.

Questo mio sfogo vorrebbe concludersi con alcune parole rivolte a diverse persone.

A chi tradisce vorrei dire:

Perché lo fai? Se lo fai per una sua mancanza, se lo fai perché non hai abbastanza attenzioni, se lo fai senza esserne davvero convinto…rompi, confessa e chiarisci. Meglio prendersi le responsabilità di uno sbaglio fatto una volta che continuare a sbagliare. Se lo fai perché per te è un’abitudine, perché magari non sei innamorato….sei un pezzo di merda e spero che la sua vendetta sarà spietata.

A chi è stato tradito vorrei dire:

Cerca di capire perché l’ha fatto. Se lo vedi pentito, se ha confessato e se per te ne vale la pena cerca di perdonarlo. Noi donne ce ne rendiamo conto se una persona è sincera o meno e tu cerca di esserlo con te stessa: Se lo scopri e ti chiede scusa ma non lo senti sincero e soprattutto non te lo dimostra, ama te stessa più di lui e mandalo a fanculo, se invece senti che ha capito di aver sbagliato, riconosci le tue colpe e se lo ami prova… l’amore è una cosa troppo bella per perderlo a causa dell’orgoglio. Inoltre cercate di non accanirvi più di tanto sull’altra ragazza, infondo la vendetta migliore è sempre l’indifferenza… se lei continua a rompere non vi preoccupate: Cagna che abbaia non morde, e contro una cagna vince sempre una donna.

Infine, all’amante vorrei dire:

Lo so che non si sceglie di chi innamorarsi e va bene così, so anche che la maggior parte della colpa è di chi è fidanzato e non di chi è libero. Ma so anche che se mandate messaggi deliberatamente cattivi, ricchi di particolari, al solo scopo di far star male la persona tradita o peggio di farli lasciare perché alla fine non avete catturato la preda, siete stronze puttane e non ragazze innamorate.

Oh, e un’altra cosa….quando lui vi dice che si è pentito e vedete che torna dalla ragazza io eviterei di raccontare le vostre mirabolanti imprese con il fidanzato di un’altra, non ci fate una bella figura.

Insomma, pensate un po’ che grandi baciatrici o che grande spettacolo a letto dovete essere per essere riuscite a rimandarlo nelle braccia della fidanzata…pensateci, fatevi delle domande e datevi delle risposte.

Vantarsi di aver portato via l’uomo a qualcuno, che sia un ora, un giorno o un anno, non sostituirà il fatto che lui non ha mai scelto voi.

Alla fine della fiera un tradimento non è mai una cosa bella e sinceramente non posso dire che passa. Ce lo ricordiamo sempre che c’è stato qualcun altro, ogni tanto viene fuori il ricordo, ma una donna è come una fenice che rinasce dalle sue ceneri e se lui ne vale la pena allora scegliete l’amore.

Scegliete sempre l’amore.

 



There are no comments

Add yours