0026

Come capire le ragazze: 10 consigli infallibili

Volete sapere come capire le ragazze?

Non potete.

Fine.

A parte gli scherzi, mettendomi una mano sul cuore, lo ammetto: Capire noi ragazze non è per niente facile, siamo complicate e non “dolcemente” come cantava la Mannoia, no… In certe occasioni noi donne sappiamo trasformarci in complicati esseri mitologici tutti da decodificare, ma rassegnatevi cari uomini: Avete bisogno di noi.

Siamo un po’ come le api, stiamo sempre in mezzo, facciamo rumore, se ci incazziamo pungiamo, ma ehi, il mondo va avanti grazie a noi.

A parte questo, sinceramente, vi capisco: Siamo enigmatiche, io se fossi un ragazzo sarei già diventato un monaco Tibetano ritirato in monastero a coltivare l’orto, o a fare qualsiasi cosa si faccia in un monastero Tibetano.

Essendo però portatrice sana di tette, faccio anch’io parte di quel mondo misterioso ed oggi voglio provare ad aiutarvi.

Ecco i 10 consigli su come capire le ragazze:

1- Quello che diciamo e quello che vogliamo dire sono due cose diverse

Partite sempre da questo presupposto. In certi casi è vero, in pochi altri no, ma in linea di massima è così.

A noi ragazze non piace apparire per quello che siamo realmente, per non rischiare di rivelare la nostra personalità e farvi scappare a gambe levate. Noi vogliamo attirarvi come vi attira un Pokemon, per cui cerchiamo sempre di far vedere il meno possibile il nostro lato psicolabile.

Non vogliamo apparire appiccicose, pazze, nervose, egoiste e non vogliamo mostrare la seconda testa che nascondiamo sotto alla maglietta.

Se ad esempio ci chiedete “Che facciamo stasera?” Noi vi risponderemo qualcosa tipo “Non so…mi andrebbe una pizza, ma scegli tu a me va bene tutto”.

Analizzate questa frase.

Non è vero che ci va bene tutto, noi vogliamo la pizza che diamine, ma non potevamo dirvi “Andiamo in pizzeria”, altrimenti appariremmo terribilmente egoiste e questo non si conviene ad una signora. Dovrete essere voi a capire i segnali e proporre la pizza. Seguiranno infinite discussioni del tipo “Ma sei sicuro? Non lo devi fare per me, a me va bene tutto”, ma voi continuate imperterriti e dateci l’illusione che sia una vostra decisione e noi saremo felici.

Altro esempio, il più classico, quando siamo arrabbiate e ci chiedete “Che hai?” la risposta è sempre “Niente”. Questo perché spesso e volentieri ci arrabbiamo per delle sciocchezze che però in quel preciso istante ci appaiono cose di incredibile importanza.

Rispondiamo “Niente” perché nel nostro intimo sappiamo che ci stiamo arrabbiando per niente, ma ci arrabbiamo comunque e voi dovete pagarla col silenzio. Ve l’ho detto, siamo complicate. Il consiglio in questo caso è di cercare di capire se noi abbiamo voglia di litigare o meno.

Se non siamo interessate alla Terza Guerra Mondiale, lasciateci perdere e sbolliremo da sole, se invece capite che vogliamo fare una bella litigata assecondateci, vi conviene, tanto una donna gira che ti rigira riesce sempre a trovare il modo di ottenere quello che vuole, quindi se non volete rischiare di ritrovarvi a scannarvi per il colore dei calzini, fingete ed assecondateci.

Insomma, il punto è che non sempre quello che diciamo è anche quello che pensiamo, quindi affinate le vostre tecniche telepatiche e se non ne avete, imparatele.

2- Decidete

Una donna vuole sempre a canto a se un uomo che sa decidere. Non è vero che vogliamo avere il controllo e vogliamo sentirci emancipate, in questo caso vogliamo un ragazzo che sa sempre dove portarci senza dover stare una serata intera a discutere “Decidi tu” “No tu”.

Un uomo che sa dove portarti, che decide lui, ci fa tornare indietro nel tempo, ci fa sentire corteggiate, ci piace da morire e non importa se alla fine ci porterete esattamente dove vogliamo andare, il fatto che la frase “Andiamo a…” esca dalla vostra bocca è decisivo.

3- Imparate ad essere dolci e stronzi

Noi ragazze siamo sempre in contraddizione, ad un ragazzo stronzo diciamo che lo vorremmo più romantico, ad un dolce che dovrebbe essere più stronzo.

Sembra che nemmeno noi sappiamo cosa vogliamo, e forse a volte è così, ma il punto è che ci deve essere equilibrio: Non pensate dunque di trasformarvi in dei teppisti solo perché avete sentito dire che alle ragazze piacciono i cattivi ragazzi e non osate diventare degli zerbini senza spina dorsale. Ci deve essere equilibrio, un po’ di coccole e dolcezze e soprattutto rispetto e gentilezza, ma quando c’è bisogno ad una ragazza piace un ragazzo che si impone e che soprattutto la sbatte a un muro per baciarla senza chiederle il permesso.

Insomma, un po’ stronzi si, ma con moderazione e nelle occasioni giuste e ricordate: Anche Danny Zucco alla fine è diventato un “bravo ragazzo”.

4- Mollate il cellulare

A meno che non siate Obama, Superman, Il presidente dell’Universo, e non credo che lo siete altrimenti non leggereste questo articolo, Cristo, ogni tanto mollate quell’aggeggio.

Possibile che siete sempre attaccati al cellulare? Almeno lo utilizzaste come facciamo noi per stalkerare in giro e prendere informazioni, no, voi ci giocate alla cavolata del momento: Se non è Pokemon GO è Clash Royale, Ruzzle, o quel giochetto demente con le palline.

Per carità, avete diritto di impiegare la vostra memoria sd come volete, ma quando siete con noi, quando venite per passare del tempo insieme, mollatelo se non volete essere fucilati all’alba.

5- Capite quando mentiamo a letto

A volte noi donne a letto mentiamo, è vero. Non voglio entrare nel merito di quelle che fingono l’orgasmo, io parlo per me  e di molte altre ragazze come me.

A volte a letto facciamo finta di non averne voglia, manifestiamo dolori di ogni tipo solo per vedervi insistere, sentirci desiderate.

Fate attenzione però, perché a volte è proprio vero che stiamo male o non ne abbiamo voglia, per cui cercate di capire quando lo diciamo con convinzione, magari anche sputando fuoco, e quando invece stiamo giocando.

6- Siamo gelose anche se diciamo di no

Ogni ragazza ama pensare a se stessa come una hippie che vive ai limiti della legalità, una ragazza simpatica, brillante senza manie di possessione e per niente toccata dalla gelosia.

Ci immaginiamo donne emancipate, superiori a queste piccolezze, ma la realtà è molto diversa: Sono poche le ragazze che non posseggono il gene della gelosia, per tutte le altre è impossibile non rimanere ferite da un atteggiamento bendisposto verso un’altra ragazza, per cui cercate di rigare dritto.

Per noi, anche un semplice like su Facebook diventa una questione di Stato, quindi teneteci aggiornate sulle vostre amicizie femminili, perché non c’è niente di peggio di una donna gelosa.

Renderemmo la vostra vita impossibile, per cui se ci aggiornate anche su delle piccolezze, staremo più tranquille.

E non credeteci quando diciamo che non siamo gelose, fate solo finta. Il fattore gelosia si ricollega al punto 7.

7- Non provate a conquistarci con la gelosia

Voi ragazzi siete assurdamente convinti che per far innamorare una ragazza dovete farla ingelosire.

Non so dove lo avete letto, se l’avete visto in qualche americanata di film o se avete seguito i consigli di qualche stallone che il rapporto più stretto che ha avuto è stato quello con un bidone dell’umido.

Fatto sta che raramente funziona: Se io donna sono innamorata di te e ti vedo con un’altra, le opzioni sono 2:

  • O semplicemente ti cancello dalla lista, discutendo per i prossimi 15 giorni della tua mancanza di rispetto con le mie amiche.
  • O ti spezzo le gambe con un takle che Chiellini scansati.

Non ci sono lieti fine, quindi evitate queste tecniche alla Marco Ferradini: Se prendi una donna e la tratti male, non si innamora, ti sputa in faccia.

8- I nostri silenzi dicono più di mille parole

Non sempre siamo mostri a tre teste che sputano sentenze e si arrabbiano per un nonnulla, spesso ci rimaniamo davvero male per qualcosa che avete fatto o detto. Come riconoscere queste situazioni?

Sono forse le uniche in cui stiamo in silenzio.

Quando una ragazza ci rimane davvero male, tutte le risposte velenose, le frecciatine, i commenti sagaci, scompaiono dalla nostra mente e ci ritroviamo senza parole.

Quando una donna sta in silenzio le cose sono due: O dovete avere davvero, ma davvero, paura, oppure correte a scusarvi ed abbracciarla perché se quello che avete fatto è così brutto da farci stare zitte, allora l’avete fatta veramente grossa.

9- Quando litighiamo non dateci ragione

Quando siete impegnati in un litigio con una ragazza, non datele ragione così, ad cazzum.

Se capite che abbiamo ragione e siete capaci di esporre i motivi per cui l’avete capito bene, altrimenti state zitti perché non è dandoci ragione che finirete la discussione, anzi.

Lo capiamo quando ci date ragione solamente per farci stare zitte e questo è snervante: Lo sappiamo che abbiamo ragione, vogliamo che lo capiate anche voi, non siamo cani a cui dare il contentino per farle smettere di abbaiare, quindi o capite o tacete ma non fate i falsi perché vi sgamiamo in meno di un secondo e la litigata continuerà, oh se continuerà.

10- Occhio a quei giorni

Tutte noi siamo afflitte dalla piaga del ciclo mestruale, lo so che vi fa schifo anche solo sentirlo dire, ma è così.

Forse voi, poveri esseri eletti che non dovete subire questo calvario, pensate solo che perdendo un pochino di sangue basti un assorbente.

Non è così.

Veniamo tempestate di ormoni, passiamo dall’essere Candy Candy a Regan dell’Esorcista in un battito di ciglia, nemmeno noi ci riconosciamo più.

La nostra pazzia è amplificata del mille per mille, per non parlare di mal di pancia, mal di testa, gonfiore, mal di tette, diarrea (ebbene si, c’è anche quella) perdita di strane budella (si, ci sono anche quelli…bello essere donna eh?).

L’umore impazzisce, il nostro corpo anche, quindi scusate se siamo un tantino irritabili.

Potremmo andare fuori di testa, capiteci, ma mai e dico mai dare la colpa al ciclo.

Non dite mai “Ah va beh, sei così perché hai le tue cose”. Questa frase ci fa imbestialire, ci fate sentire delle inette solo perché Dio o chi per lui ci ha condannato a pisciare sangue per 4-5 giorni al mese.

Un pò di tatto, per favore.

Detto questo, fate attenzione alla settimana prima del ciclo, ai giorni di ciclo effettivo, e alla settimana dopo. Solitamente in quei giorni siamo più, come dire, bipolari.

Facendo due conti, ci sono circa 20 giorni al mese in cui siamo intrattabili e bisogna andarci con i piedi di piombo, quindi approfittate dei restanti ed in bocca al lupo.

 

Insomma, questi sono solo alcuni consigli, ovviamente se nessuno ha mai scritto un manuale completo su come capire le ragazze un motivo ci sarà: Ogni donna è diversa, abbiamo mille sfaccettature, mille paranoie e mille disturbi mentali diversi.

Capirci completamente è impossibile, ma è anche il bello del gioco.

Questi sono solo alcuni consigli base, ce ne sarebbe da scrivere credetemi, ma un’ultima dritta ve la voglio dare:

A noi piace essere complicate, apparire come dei rebus da risolvere, essere misteriose.

Per noi è come un gioco, per cui cercate di capirci in segreto, ma quando vi trovate nella situazione, qualche volta, fate i finti tonti e lasciateci giocare.

Una donna che si lamenta è una donna felice.



There are no comments

Add yours